Pubblicato da: surfcanarias | ottobre 9, 2009

E’ iniziato l’assalto mediatico

La bocciatura del Lodo Alfano da parte della Corte Costituzionale ha provocato come era prevedibile un vespaio di polemiche.  Si mettono da parte i “fatti” e si parla solo dei complotti di sinistra, lasciando delirare Berlusconi in diretta con affermazioni che hanno dell’incredibile per chi si autoproclama il “miglior Presidente del Consiglio da 150 anni ad oggi”.  Se ci fosse stato qualcuno a ricordargli  che  in questo momento torna ad essere imputato in almeno due processi  (corruzione nel caso Mills ed evasione fiscale) sarebbe stato meglio.
Ci sono alcune osservazioni da fare. La prima riguarda la strategia mediatica berlusconiana. In poco meno di due giorni le interviste al premier sono fioccate. Primo intervento a “Porta a Porta”, in cui a parte gli insulti alla Bindi Mr. B. ha voluto rimarcare il complotto in corso. Giudici costituzionali di sinistra, Magistratura di sinistra, Napolitano (che tra l’altro le leggi porcata del suo governo le ha quasi sempre firmate, compreso il lodo Alfano) di sinistra, giornali di sinistra, televisione di sinistra, satira di sinistra. 15 minuti in seconda serata di puro delirio. Provate a contare quante volte ha ripetuto la parola “sinistra”, “comunista”,  Questa mattina ho ascoltato l’audio (altri 10 minuti) in diretta al TG5 in cui sostanzialmente si ripetono con insistenza gli stessi argomenti.
Una bugia martellante ripetuta all’inverosimile diventa una mezza verità. Detta poi in televisione, se non confutata dal giornalista di turno, diventa una verità per molti. Il complotto di sinistra che diviene realtà. Ne vedremo delle belle nei prossimi giorni, potete scommetterci: i cani sono stati già sguinzagliati.

La seconda osservazione riguarda questo governo, democraticamente eletto dal popolo che come tutti si sprecano di ripetere in questi giorni è sovrano. A me sembra che ci sia la volontà di identificare i problemi di Berlusconi con quelli della maggioranza, mi spiego:  la bocciatura del lodo Alfano permette ai giudici di processare il primo ministro, che dovrà difendersi in aula come qualsiasi altro cittadino italiano accusato per un qualsiasi delitto. Ora, che Berlusconi decida di dimettersi o meno sono affari suoi (anche se la decenza e il tempo che dovrà dedicare a difendersi gli suggerirebbero di farlo), ma nessuno ha detto che la maggioranza debba cambiare. Cambi chi la presiede, che ha dimostrato di essere per vari motivi non all’altezza del ruolo.  Dimentichiamoci di Berlusconi, per un momento.

PS: A Obama il premio Nobel per la pace. Come ci saranno rimasti quelli per il nobel a Berlusconi? Altro complotto comunista…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: